La trasformazione di un balcone in una veranda ha diritto alla detrazione 50% prevista dal Bonus ristrutturazione?

In teoria sì, considerato che l’Agenzia delle Entrate inserisce l’intervento nell’elenco esemplificativo dei lavori agevolabili nella Guida alle ristrutturazioni edilizie. Tuttavia, sembrerebbero emergere dubbi circa la reale detraibilità dell’intervento.

Realizzazione veranda: è detraibile al 50%?
Come riporta la guida dell’Agenzia, tra gli interventi ammessi alla detrazione 50% ci sono quelli effettuati sulle verande in questi casi:
- se vengono introdotte innovazioni rispetto alla situazione precedente;
- in caso di nuova costruzione con demolizione del muro che dà sul balcone creando aumento di superficie lorda di pavimento;
- in caso di trasformazione di balcone in veranda.

Tuttavia, nella medesima Guida, l’Agenzia spiega che sono esclusi dall’agevolazione gli interventi che aumentano la volumetria dell'edificio; ciò sia nel caso di demolizione e ricostruzione con aumento di volume, sia nel caso di ristrutturazione con ampliamento. Gli ampliamenti, per l’Agenzia, si configurano come nuova costruzione e quindi non accedono al bonus.

Poiché la costruzione di una veranda aumenta lo spazio abitabile (e il volume), si dovrebbe configurare come un ampliamento e, di conseguenza, non dovrebbe godere del bonus. L’Agenzia, però, cita la 'trasformazione di un balcone in veranda' tra le opere agevolabili. Non è chiaro, quindi, se è sempre agevolabile oppure nasconde delle insidie.

701

Leggi il resto dell'articolo su www.edilportale.it