La cessione dei crediti derivanti da bonus edilizi in solo tre passaggi alla fine è legge.

La Camera dei Deputati ha infatti convertito in legge il tanto discusso Decreto-legge “Sostegni-ter del 27 gennaio 2022, n. 4, recante misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da COVID-19, nonché per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico”. All’interno del provvedimento è stato assorbito il Decreto-legge del 25 febbraio 2022, n. 13. “Misure urgenti per il contrasto alle frodi e per la sicurezza nei luoghi di lavoro in materia edilizia, nonché sull’elettricità prodotta da impianti da fonti rinnovabili”.

Legge ad ampio spettro

Il provvedimento è molto ampio e interviene in tanti campi:

– nuovi sostegni per il turismo, per le discoteche e per la cultura;

-ulteriori misure previste per le bollette, per porre un freno al caro energia dell’ultimo periodo;

– proroga per i pagamenti delle rate scadute di Rottamazione ter;

-ulteriori aiuti al settore del turismo;

-aiuti a cultura e sport;

–bonus edilizi e relativi crediti;

-aiuti al settore trasporti e

-aiuti alle Regioni.


Limiti per i bonus edilizi

Per quanto riguarda i bonus edilizi il provvedimento, pensato per contenere le frodi registrate in materia, regola sostanzialmente tre aspetti:

-cessione e sconto in fattura, limitando le cessioni a 3;

-sanzioni per gli asseveratori mendaci e polizze assicurative;

-applicazioni CCNL in cantieri sopra i 70000€

 

continua a leggere https://www.guidafinestra.it/cessione-in-tre-passaggi-sostegni-ter-e-legge/